Shimba hills

All'interno della riserva si trovano le suggestive cascate Sheldrick, che valgono di per sè una visita alle Shimba Hills, poichè durande il tragitto per raggiungerle si ammirano elefanti, bufali e altre creature della foresta con vista sul mare. 
Le cascate sono anche raggiungibili effettuando un safari a piedi attraverso un circuito da percorrere in 90-120 minuti, però solo in orari specifici e con un ranger armato. L'itinerario si addentra tra i pendii coperti di foresta, tal volta molto ripidi, dove è possibile osservare cercopitechi dal diadema, bufali ed elefanti, soprattutto nelle prime ore del giorno, mentre dalle radura la vista spazia fino all oceano. Le cascate superano un salto di 21 metri e formano un fresco laghetto immerso nella vegetazione, dov'è consentito nuotare e fare una colazione nel bush. Le cascate sono dedicate a David Sheldrick, fondatore dello Tsavo Est, consorte di Daphne Sheldrick animalista esperta di elefanti.
La riserva è nota per essere l'ultimo rifugio kenyota della bella antilope nera, spesso visibile in piccole mandrie nelle praterie aperte della parte settentrionale della riserva. Si contano all'interno delle Shimba Hills circa 200 esemplari di questo magnifico animale. Tra gli altri grandi mammiferi vi sono giraffe, leopari, zebre, facoceri, molte specie di scimmie e una notevole popolazioni di elefanti e bufali.
Una delle attrazioni principali della foresta è il Belvedere di Giriama un magnifico punto panoramico che si trova in cima ad una ripida parete che corre lungo il confine orientale della riserva. Nelle giornate limpide si vede tutta la costa.
Dichiarata foresta statale nel 1903 e promossa a Riserva Nazionele 65 anni dopo, l'area protetta copre i ripidi pendii che si innalzano dalle pianure costiere, a circa 20 km dalle spiaggie di Diani e Tiwi. Si tratta di circa 250 Kmq dominati da dolci praterie, dove però si trova anche parte della seconda foresta costiera più ampia del Kenya, dopo quella di Arabuko Sokoke. Per chi soggiorna a Diani è possibile visitare la riserva anche in giornata, potendo così avvistare antilopi nere, elefanti, bufali e altri animali della foresta, quali colobi dell'angola, cercopitechi dal diadema, cefalofi azzurri, suni, tragelafi striati e scoiattoli dal ventre rosso. Fra le molte piante rare spiccano cicadacee, gloriose, orchiedee terrestri ed epifite e un sempreverde endemico, Diospyros shimbaensis. Sono state registrate 250 specie di farfalle e 200 di uccelli, molti dei quali tipici della foresta.
Per chi si ferma almeno una notte assolutamente da non perdere il pernottamento al Shimba Lodge, che fa parte della stessa proprietà del famosissimo Treetops Lodge negli Aberdare. Gli edifici a palafitta si integrano nella foresta, al punto da sembrarne un' estensione, con tanto di pozza d'acqua sotto la zona ristorante, dove si abbeverano gli animali. Il lodge è unico per la ricchezza di fauna di piccola taglia. La struttura è infatti frequentata dagli scoiattoli ventre rosso di giorno e dai galagoni maggiori di notte. Inoltre, un passaggio sopraelevato attraverso la foresta consente di osservare i cercopitechi dal diadema e il colobi dell'Angola che volteggiano tra gli alberi, mentre nel denso fogliame, si annidano barbuti olivacei, turachi di Fischer, avvoltoi delle palme, nettarinie olivacee e tessitori di foresta. Chi si ferma per la notte sentirà nel coro assordante di insetti e rane la presenza quasi fisica della foresta, ma anche chi fa solo un' escursione giornaliera può assaporarla durante il pranzo o un drink.

Trovaci su Facebook

Il Parco Naturale di Tsavo Est è una delle aree protette più note del Kenya, e la più estesa del...
L'Amboseli National Park si estende per 39.206 ettari ai piedi del Kilimanjaro, vicino al confine...
La gita a Watamu Isola dell’amore è un’esperienza non solo per il turista amante del mare.
Gede è la città araba che risale al XIII secolo abbandonata senza un apparente motivo