Marafa hell’s kitchen

Partendo da Malindi, viaggeremo per un’ora lungo un tragitto inconsueto tra grandi radure, villaggi e boschi di acacia, sino ad arrivare in un luogo unico e magnifico che appare un suggestivo canyon. Costituito da pareti con guglie rossastre, pinnacoli, burroni e pilastri di pietra alti anche 30 metri, il canyon si tinge di tonalità differenti a seconda della luce: dal rosso carminio al ruggine, dall’ocra all’oro. L’evocativo nome di questo luogo deriva dal tramonto, che è il momento in cui le guglie di pietra tingendosi delle tonalità di rosso sembrano infuocarsi e unirsi cromaticamente al colore del cielo. Ecco la famigerata cucina del diavolo. Marafa, è dimora esclusivamente di una famiglia di babbuini, in quanto di giorno si raggiungono temperature altissime. Per questo il momento migliore per visitare questo luogo è nel pomeriggio, nel pieno dello spettacolo che susciterà emozioni e sensazioni irripetibili, che conserverete a lungo dentro di voi.

Trovaci su Facebook

Il Parco Naturale di Tsavo Est è una delle aree protette più note del Kenya, e la più estesa del...
L'Amboseli National Park si estende per 39.206 ettari ai piedi del Kilimanjaro, vicino al confine...
La gita a Watamu Isola dell’amore è un’esperienza non solo per il turista amante del mare.
Gede è la città araba che risale al XIII secolo abbandonata senza un apparente motivo